Ricevere ospiti: accortezza da seguire

ricevere-ospiti

Esistono delle cortesie specifiche per ricevere in salotto?

Sappiamo bene che il salotto ha un ruolo centrale quando si tratta di ricevere, tanto che, comunemente, si dice “fare salotto” per indicare il riunirsi e fare conversazione. 

In salotto riceviamo tutte le visite, brevi, meno brevi, annunciate e non.

🤔Ma quali sono le cortesie da impiegare verso i nostri ospiti per non sbagliare?

Ecco l’elenco a cui ho pensato per ripassare insieme le principali accortezze:

🔹Invitare sempre l’ospite ad accomodarsi, sarà lui/lei a dirci, eventualmente, che è di fretta

🔹Dopo aver invitato l’ospite ad accomodarsi in salotto, se l’orario lo consente, è gentile offrire una tazza di caffè

🔹Porteremo quindi in salotto un vassoio con le tazze vuote e la caffettiera a parte (meglio evitare la macchinetta a cialde)

🔹Possiamo aggiungere qualcosa da mangiare: pasticcini, biscotti secchi, oppure cioccolatini o una fetta di torta

🔹Se serviamo dei cioccolatini, questi saranno portati su un vassoietto o in un piattino. Non si appoggia un cioccolatino singolo sul piattino come al bar. Accogliere significa anche essere generosi e l’ospite potrebbe gradire anche più di uno

🔹In tutti i casi in cui offriamo qualcosa da mangiare, ricordiamoci di aggiungere un tovagliolino

🔹Se l’ospite è atteso per il pomeriggio, possiamo optare per il tè accompagnato da dolci o torte asciutte e/o salatini

🔹È sempre la padrona/il padrone di casa a versare caffè e tè partendo dagli ospiti in ordine di riguardo o anzianità; le donne tradizionalmente prima degli uomini

➡️Questo elenco non è esaustivo naturalmente, perché lo spazio è quello di un post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello